Qualificazione, salgono a 15 le categorie super-specialistiche

Pubblicato il 25/10/2016            

Sarà vietato l’avvalimento anche per barriere paramassi, fermaneve e strutture in legno 

 
Passeranno da tredici a quindici le categorie superspecialistiche per cui è vietato l’avvalimento. Lo prevede il decreto del Ministero delle Infrastrutture, che ha aggiunto le categorie OS 12-B e OS 32.
Il decreto, attuativo del Codice Appalti (D.lgs. 50/2016), ha ricevuto il via libera del Consiglio di Stato. Un mese fa lo stesso Consiglio di Stato aveva bloccato l’iter del provvedimento perché il Ministero delle Infrastrutture non aveva preso in considerazione tutti i pareri ricevuti dalle associazioni di categoria.
Il provvedimento, previsto dall'articolo 89, comma 11, del codice appalti serve a dare attuazione alla norma che vieta l’avvalimento per le  opere per cui sono necessari lavori di notevole contenuto tecnologico e complessità tecnica per un valore superiore al 10% dell’importo complessivo dei lavori. 
A settembre il Consiglio di Stato ha bocciato il decreto del Mit accogliendo il ricorso presentato dall’Associazione nazionale costruttori edili (Ance) e dalla Federazione Industrie Prodotti Impianti Servizi ed Opere Specialistiche per le Costruzioni (Finco). 
L’inserimento delle categorie OS 12-B e OS 32 era stato proposto rispettivamente da Assoroccia e FederlegnoArredo. Anche Ance e Finco avevano proposto l’inserimento di altre categorie ma, a loro avviso, il Ministero delle Infrastrutture non aveva preso in considerazione le loro idee.
Per questi motivi, il CdS aveva bloccato il parere, chiedendo al Mit di rispondere alle associazioni.
Il Ministero delle Infrastrutture ha risposto con una nota spiegando che l’obiettivo del Governo è quello di limitare le opere superspecialistiche a lavorazioni con un elevato contenuto tecnico,  le richieste delle due associazioni miravano invece ad accrescere l’elenco inserendo opere richiedenti un minore livello di specializzazione.
Nei giorni scorsi, il Consiglio di Stato ha accettato le motivazioni del Ministero delle Infrastrutture e ha dato il via libera al decreto, che potrebbe quindi diventare operativo a breve. 
Il Mit ha stabilito quindi l’elenco delle 15 opere superspecialistiche comprendente le 13 categorie già indicate dall’articolo 12 della Legge 80/2014 (OG 11, OS 2-A, OS 2-B, OS 4, OS 11, OS 12-A, OS 13, OS 14, OS 18-A, OS 18-B, OS 21, OS 25, OS 30) a cui si aggiungono le categorie OS 12-B (barriere paramassi, fermaneve)  e la OS 32 (strutture in legno).
E’ stato previsto un periodo di monitoraggio di dodici mesi durante il quale il ministero verificherà gli effetti sul mercato delle nuove norme in vista di un eventuale aggiornamento.
 
 

PARTENARIATI E COLLABORAZIONI

    

logo ucsi   soaconsult       csan     logo proassicura

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.